Web design: PVconsulting
PALINURUS P Associazione turistico-culturale PALINURUS
Home Novità Eventi Primula Contatti

Eventi

(In ordine cronologico inverso)

Regata di vela latina e vele di altura “Le vele di Molpè”

3° edizione – sabato 1 e domenica 2 ottobre 2016

 

Terza edizione della festa della “Primula Palinuri”. Grande successo

Sabato 19 marzo 2016

 

Sabato 19 marzo 2016 si è svolta con successo a Palinuro la Festa della Primula, giunta ormai alla terza edizione, quest’anno dedicata in particolare al cosiddetto “ecomuseo”. L’ecomuseo non è altro che il nostro splendido territorio, di cui la primula è il simbolo, con tutte le sue eccellenze e unicità naturali, paesaggistiche, culturali, tradizionale e – perché no? – gastronomiche. La mattinata è stata dedicata in particolare agli alunni delle scuole di Centola e Palinuro, che hanno potuto godere di una lezione sul campo del professor Francesco Cinelli dell’Università di Pisa, che li ha accompagnati persino in un’escursione marina alla grotta Azzurra.
Nel pomeriggio si è poi tenuto un convegno presso l’Hotel Eden di Palinuro, al quale hanno partecipato varie personalità politiche e lo stesso professor Cinelli. Il convegno, moderato come nelle edizioni precedenti da Paolino Vitolo, componente dell’associazione Palinurus, è iniziato con la lettura, da parte di Pina Esposito del racconto “U paraviso ri vascio” scritto a quattro mani da Maria Luisa Amendola e Domenico Scarpati. Mai introduzione è stata più appropriata, perché la primula vive a Palinuro, che è proprio il centro dell’ecomuseo della nostra terra. Subito dopo hanno preso la parola, nell’ordine, Marco Sansiviero, presidente dell’associazione Palinurus e rappresentante del Comitato Primula, il sindaco di Centola Carmelo Stanziola, il già citato professor Francesco Cinelli, il neo presidente del Parco Nazionale del Cilento Tommaso Pellegrino ed il vicesindaco di San Giovanni a Piro Pasquale Sorrentino.
Il professor Luigi Nicolais ex presidente del CNR, e l’avvocato Vincenzo Maraio, consigliere della Regione Campania non sono potuti intervenire personalmente per cause di forza maggiore, ma hanno comunque partecipato con un collegamento telefonico in viva voce.
Particolarmente apprezzato l’intervento squisitamente scientifico del prof. Cinelli, che ha mostrato un filmato unico ed originale, che mostra la riproduzione degli astroidi, organismi che vivono nelle profondità della grotta Azzurra. Dopo gli interventi degli oratori si è svolta la premiazione del concorso fotografico “Panorami”, una novità di questa terza edizione della festa della Primula, dedicato in particolare ad immagini del territorio in cui la primula vive, cioè l’ecomuseo. Per concludere degnamente la serata, al termine è stato offerto un piacevole buffet di piatti e vini cilentani. Per restare in tema tutti i piatti sono stati a base di erbe selvatiche spontanee, come l’ortica, il cardo, la borragine e il critamo. Non la primula naturalmente, che, come è noto, è flora protetta e quindi non si può cogliere e tanto meno mangiare…

Regata di vela latina “Le vele di Molpè”

2° edizione – sabato 26 e domenica 27 settembre 2015

 

Festa della “Primula palinuri Petagna”

2° edizione – sabato 21 e domenica 22 marzo 2015

 

Sabato 21 marzo 
ore 09:00: Incontro formativo sulle tematiche di tutela ambientale, con gli alunni delle scuole medie dell'Istituto comprensivo di Centola.
ore 11:00: Passeggiata didattica, lungo la costa dell'ex Club Med, per l'osservazione delle varie specie dunali presenti.

Domenica 22 marzo 
ore 09:30: Convegno sul tema “Le piante e le erbe spontanee nella tradizione alimentare del Cilento, culla della dieta mediterranea” , presso l'Hotel Tre Caravelle, Via Santa Maria, Palinuro.
Sono intervenuti:
- Maria Luisa Amendola – Comitato Primula Palinuri (presentazione della canzone di Domenico Scarpati)
- Marco Sansiviero – Comitato Primula Palinuri
- Dott. Carmelo Stanziola – Sindaco di Centola
- Prof. Sandro Strumia - Seconda Università degli Studi di Napoli
- Lia Amato - Associazione "Fare Verde" Cilento
- Aniello Aloia - Coordinatore nazionale Geoparchi Italia - Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni
- Mimmo Caiazzo – Responsabile biodiversità Condotta Slowfood Camerota, Golfo di Policastro
- Arch. Emilio Buonomo – Presidente Biodistretto Cilento

Moderatore: Ing. Paolino Vitolo

ore 12:00: Visita alla mostra documentale sulla Primula palinuri allestita presso la Pro Loco di Palinuro.

ore 20:00: Serata gastronomica con buffet di pietanze della tradizione cilentana preparate utilizzando le erbe spontanee locali. La serata è stata allietata da suoni e balli folkloristici.

Enti patrocinanti
Comune di Centola
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Ente Provinciale Turismo Salerno
Expo Milano 2015 - Padiglione Italia
Fare Verde Campania
Parco Nazionale Cilento Vallo di Diano Alburni
Seconda Università di Napoli
Università di Napoli "Federico II"

Associazioni - (Comitato Primula)
Amici di Palinuro
Associazione Commercianti Palinuro
Associazione Palinurus
Cooperativa Palinuro Porto
Eso Es Palinuro
Pro Loco
Progetto Centola
Protezione Civile Gruppo Lucano


Un calice di storia

Un calice di storia

14 dicembre 2014

Il 14 dicembre 2014 si terrà la manifestazione culturale, storica ed enogastronomica “Un Calice di Storia”. L’evento è patrocinato dal Comune di Centola, dal Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, del Gal Casacastra e dall’associazione Italiana Sommelier Regione Campania – delegazione Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. La giornata sarà suddivisa in vari momenti, con diverse ubicazioni, legati al tema principale, il vino di Centola e i suoi dintorni. Si partirà con il convegno, alle ore 10, che avrà luogo presso l’Hotel Pietre Rosse di Centola dove si terrà anche la degustazione guidata, curata dall'A.I.S. Campania. Nel pomeriggio, ci si sposterà in piazza San Nicola di Mira, sempre a Centola, dove ci sarà l’apertura della mostra storica sui vini locali. Tra gli stand, allestiti per l’occasione, i visitatori potranno degustare vini e prodotti tipici. Durante la serata saranno premiati i primi tre vini locali ritenuti più meritevoli dalla giuria di esperti. L’evento sarà allietato da canti e balli cilentani. 

Queste le attività in programma: 

ore 10:00 presso la hall dell’Hotel Pietre Rosse di Centola: convegno dal titolo “Dai vecchi vitigni di Centola ai vini di domani: dal passato una prospettiva per il futuro”.

Interverranno Marco Sansiviero, presidente associazione 'Palinurus', Maria Rosaria Lo Schiavo – coordinatrice dell’evento, Carmelo Stanziola, sindaco di Centola, Maria Sarnataro, delegata A.I.S. Cilento e Vallo di Diano, Vincenzo Merola, azienda agricola “Isca delle Donne”, Leopoldo Giordano, azienda agricola Giordano, Silvio Trama, azienda agricola Trama, Pietro Caggiano – responsabile Agricoltura Cciaa di Salerno, Angelo De Vita, direttore Parco, Carmine Farnetano, coordinatore Gal Casacastra, Carmine Pecoraro, presidente Cia Salerno, Mario Grasso, direttore generale Cia Campania, Mario Notaroberto, vignaiolo contadino. Moderatore: Daniele Maestri, giornalista enogastronomico

ore 12:30 presso la hall dell’Hotel Pietre Rosse di Centola: degustazione guidata rivolta agli operatori della ristorazione ed ai giornalisti di settore. I vini saranno forniti dalle aziende locali: Albamarina, Giordano Leopoldo e Merola Vincenzo. La degustazione è su prenotazione (info 347 656 47 09).

ore 14:00: lunch break.

ore 17:00 in piazza San Nicola di Mira a Centola: apertura mostra storica sui vini locali. Degustazione di vini e prodotti tipici, stand artigianali. Durante la serata saranno premiati i primi tre vini locali ritenuti più meritevoli dalla giuria di esperti. L’evento sarà allietato da canti e balli cilentani..

​L'intera manifestazione vedrà la presenza dei produttori locali anche di formaggi e prodotti tipici in genere, con stand di degustazione gratuita e preparazione della cicciata, piatto tipico a base di legumi.


Le vele di Molpè

La prima volta di Palinuro

27 - 28 settembre 2014

LE VELE DI MOLPÈ

Regata di Vela Latina.

Bando di regata
Regolamento
Modulo di iscrizione
Galleria fotografica (Giuseppe D'Angelo)
Galleria fotografica (Antonio Motta)
Altre foto di vari amici (Guglielmo Maraziti ed altri)

Finalmente! La prima volta di Palinuro!
La sirena Molpè si sveglia dal suo lungo sonno e soffia il suo alto profumato nelle vele latine. Le vele di Molpè solcheranno lo splendido mare di Palinuro sabato 27 e domenica 28 settembre.

La regata LE VELE DI MOLPE' si è svolta regolarmente ed è stata un successo. Abbiamo avuto bel tempo, un bel vento né troppo debole né troppo forte e tanto tanto sole. Ringraziamo tutti quelli che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione: l'Associazione Palinurus, il Circolo Nautico Portosalvo di Pisciotta, la Ccoperativa Palinuro Porto, il comune di Centola, i partecipanti tutti, venuti anche da lontano (persino da Favignana), e, ultimo ma non meno importante, il Ristorante La Taverna del Porto, dove l'amico chef Sergio ha superato se stesso.
Grazie ancora a tutti. L'anno prossimo faremo ancora meglio!

Paolino Vitolo

E questo è il commento di Guglielmo Maraziti!

Le Vele di Molpè ed il Trofeo della Costiera Cilentana
Lunedì , il giorno dopo ; Vera in deposito a Salerno, le bandiere al loro posto, la mente piena d'immagini, il pigro scorrere del mouse alla ricerca delle foto pubblicate dai fotografi, professionisti e dilettanti, sui vari media, ecco un attimo di tranquillità a fine giornata di lavoro del giorno dopo, il lunedì.
Palinuro e le Vele di Molpè, regata a sè, ma anche ultima tappa del Trofeo della Costiera Cilentana, questo binomio ha in comune un aspetto, proprio del carattere cilentano : un movimento tranquillo, sornione ma limpido, senza fronzoli, la convinzione di possedere un pò di verità , condivisibile con chi ama le stesse cose della vita, una concezione filosofica dell'essere, la sicurezza di essere nel giusto, senza manie di protagonismo, con l'ideale superiore di fare qualcosa di buono per se stessi e per questa terra particolare.
Le vele di Molpè è una manifestazione fortemente voluta da Paolino Vitolo, appassionato regatante, che ha scoperto la vela latina grazie al supermastro Giovanni Cammarano di Pisciotta, cui si era rivolto per il restauro di Zillo II; in pratica, a fine restauro, Paolino si ritrovò un gozzo a motore armato con vela latina e di lì nacque l'avventura, fino ad oggi, con le Vele di Molpè. Paolino è anche il Vicepresidente dell'associazione culturale Palinurus (www.paolinovitolo.it/palinurus) , i cui soci sono stati coinvolti dal Paolino in questa avventura , aiutandolo nell'organizzazione della manifestazione e contribuendo al suo successo indiscusso. L'associazione Palunurs è stata affiancata dagli amici del Circolo Nautico Portosalvo di Pisciotta, ed in particolare dal suo presidente, Eugenio Marino.
La regata : sabato abbiamo avuto un campo di regata capriccioso, troppo vicino al grande Capo Palinuro, poco divertente, in cui barche ed equipaggi non hanno potuto esprimere il massimo delle capacità marinare, ma hanno goduto di una giornata settembrina, perfetta, di quelle da manuale del buon Dio.
Vera sta invecchiando, non ha più pazienza e vedersi sfilare sulla boa di poppa, da ferma, le barche che aveva distanziato in bolina, che per un colpo di c...o si trovavano sulla rotta di uno strano refolo di vento ..... NO !!! l'aveva giurato nell'ultima regata di Meta di Sorrento, qualche anno fa, che si sarebbe ritirata per protesta e così è stato. Il mare è grande e non ha punti fissi da rispettare, il campo di regata è il nostro campo giochi e bisogna saperlo gestire e sistemare nelle zone giuste, lontano dai capi, CAPITO!
Capito subito e bene, infatti, il campo di regata di domenica è stato perfetto e ci siamo divertiti tutti, TUTTI ! Il buon Dio è saltato dalla pagina del magico settembre a quella del Paradiso ed è stato bravissimo e generoso. A tal proposito, Paolino, durante la premiazione, si è vantato del rapporto diretto con l'Altissimo e dell'abilità nel convincerlo ad aiutarlo; sembra che abbia anche ipotecato la edizione del 2015, e noi ci saremo tutti, certamente, a Dio piacendo.
Sole, mare, vento e tanti sorrisi a bordo delle nostre barche; rotte giuste e veloci ma anche qualche tentativo di avvicinamento eccessivo, come quello verso la "'A ciaciona mia" da parte del galante "Do' nono" , che con il suo spigone impertinente navigava alla ricerca della poppa ciaciosa; fortunatamente l'assalto fu sventato , tra le palpitazioni di Ciccio, che ancora sta tremando, pensando allo scampato pericolo. Eh si , questi bompressi ! Quante pene hanno fatto soffrire, ma chiudiamo qui il capitolo, che qualche animo sensibile potrebbe dispiacersi troppo.
Infine Paolino, sfrontatamente, si è fatto anche prestare il manuale dall'Altissimo e ci ha fatto gustare una cena perfetta (ha convinto anche il sindaco di Centola Palinuro a metter mano al portafoglio), ed infine ha gestito una simpatica premiazione con tanti premi, tanti che sono addirittura avanzati.
Durante la premiazione della sirena di Palinuro, è stato consegnato anche il Trofeo della Costiera Cilentana, il nuovo premio challenge, voluto dai circoli/associazioni delle località che si affacciano su questo tratto di costa cilentana : da nord, Acciaroli con il Circolo Velico Lazzarulo (Fiv), Casal Velino con il Circolo Velico Casal Velino (Uisp), Pisciotta con il Circolo Nautico Portosalvo (Uisp) ed infine Palinuro, con l'associazione culturale Palinurus (Uisp), e che vuoi più dalla vita ! Queste quattro realtà sportive desiderano promuovere lo sport della vela nel Cilento e sono pronte a fare "sistema" , organizzando negli anni futuri altrettante manifestazioni sportive/culturali , con ricadute su tutto il territorio retrostante. Il progetto è in fase di studio e l'entusiasmo è notevole, ma credo che abbiamo bisogno del famoso manuale di cui sopra, per raggiungere i nostri scopi! Vedremo, il primo passo è stato fatto e, quindi, il cammino è iniziato.

Guglielmo Maraziti

Festa della Primula di Palinuro

Primula palinuri Petagna

22 marzo 2014

Sabato 22 marzo 2014 l'Associazione turistico-culturale PALINURUS ha organizzato la prima edizione della festa della Primula di Palinuro, un endemismo botanico della nostra terra, che per la sua particolarità ed esclusività merita l'attenzione degli scienziati e del pubblico...

Per saperne di più...